ISLANDA

Ghiaccio e Fuoco

da venerdì 11 a martedì 22 giugno 2021

IN BREVE

In Islanda, le forze che da sempre plasmano e disegnano il paesaggio sono quelle perenni del vulcanesimo, dei fiumi torrenziali e dei ghiacciai che in numerose occasioni si sono riversati a valle fino alle rive del mare. Nelle piccole baie e rade ai piedi delle vallate, un tempo la popolazione praticava la pesca e nel corso dei secoli si sono formati minuscoli villaggi che ora sono dominati da fiordi e profonde vallate scavate ancor’ oggi da bianchi torrenti glaciali.

Ma l’Islanda ha anche fiorenti cittadine, isole abitate e terre in via di formazione. Imponenti montagne e antiche monumentali catene montuose tagliate da valli. Su di esse si sono accumulati strati rocciosi più recenti, scolpiti in più parti dalle forze dell’oceano che hanno creato fitte scogliere. Si tratta dello zoccolo più antico dell’isola, plasmato per milioni di anni dalle lingue glaciali, con vene minerarie magmatiche risalenti a molti milioni di anni fa, che un tempo si trovavano a una profondità superiore ai tre chilometri. Tutto ciò fa dell’Islanda un mondo a parte, un paesaggio magnifico di lunghi, stretti fiordi a picco sull’oceano e vette frastagliate! In nessun altro luogo del pianeta si può ammirare così distintamente la faglia tettonica che separa le placche europea e nord-americana. Ma non è solamente il paesaggio che attrae i viaggiatori in questa regione. La flora e fauna soprattutto, costituita da miriadi di uccelli marini domineranno i nostri sensi. Qui l’aquila dalla testa bianca è la regina degli uccelli islandesi e nei fiordi si trovano le più imponenti scogliere di nidificazione d’Europa. Poco lontano, le balene nuotano nel mar glaciale artico mentre nella terraferma il cavallo è da sempre il migliore amico dell’uomo.

Un viaggio completo in Islanda di quasi 2 settimane in un circuito ad anello che non tralascerà nulla. Visiteremo i famosi Geyser, le cascate più grandi d’Europa, il ghiacciaio più esteso del continente e iceberg che vanno alla deriva, piscine naturali di calda acqua sulfurea e ci spingeremo in mare alla ricerca di balene! Ovviamente in moto, in Islanda, dove l’erba è più verde, il ghiacciaio è più bianco, il cielo più azzurro e la sabbia più nera.

durata

12 giorni/11 notti

km

2.700 km circa
(dei quali 165 km di buon sterrato)

partenza

Reykjavík

arrivo

Reykjavík  

media/giorno

270 km 

escursioni

1 escursione  whale watching a Husavik

1 escursione nella laguna di Jokulsarlon

Programma di viaggio

1° giorno, venerdì 11 giugno: Reykjavík

Partenza in mattinata e arrivo con volo di linea a Reykjavík a metà pomeriggio. Trasferimento in hotel a Reykjavík dove troveremo le nostre moto ad aspettarci. Rimanenza del pomeriggio a disposizione dei partecipanti.

2° giorno, sabato 12 giugno: Reykjavík – Stykkishòlmur (Penisola di Snaefellsness)

km 300 circa

Inizia il viaggio e appena fuori della capitale attraversiamo il tunnel sottomarino (ora non più a pagamento) sullo Borgafjordur per arrivare nella penisola di Snaefellsness penisola della quale faremo l’intero periplo osservando il vulcano-ghiacciaio Snaefellsjokull, famoso per essere stato descritto da Giulio Verne come la via d’entrata del viaggio al centro della terra. Arrivo nella cittadina più grande della penisola.

 

3° giorno, domenica 13 giugno: Stykkishòlmur – Isafjordur

km 125 (dei quali 45 di buon sterrato)

Alle 9.00 del mattino un traghetto ci attende per portarci nella Penisola dei Fiordi Occidentali. Faremo una sosta di un’ora e mezza all’Isola di Flatey per poi ripartire. Arrivo previsto a Brjànslaekur alle 16:45 per proseguire verso la destinazione finale.

 

4° giorno, lunedì 14 giugno: Isafjordur – Hvammstangi

km 370 circa

Seguiremo la costa frastagliata della regione più aspra dell’Islanda, la zona è pressoché disabitata ma popolata da una moltitudine di uccelli marini e foche. Cena e pernottamento in hotel.

 

5° giorno, martedì 15 giugno: Hvammstangi – Husavik

km 310 circa

Proseguiamo verso Est attraversando il delta del fiume Hèradsvotn nei pressi di Skagafjordur, siamo nella zona dove vengono allevati i famosi cavalli islandesi. Lungo il percorso sosta e visita alla fattoria di Glaumbaer, alla graziosa cittadina di Akureyri e alla spettacolare cascata di Godafoss, la Cascata degli Dei.

 

6° giorno, mercoledì 16 giugno: Husavik – Myvatn

km 95 circa

Oggi una barca ci attende per portarci alla scoperta dei mammiferi marini più grandi del mondo, le balene! L’escursione in barca durerà circa 3 ore, quindi una breve tappa quella che ci separa dai Laghi Myvatn, zona di autentica bellezza. Costellata da oltre 50 tra isole e isolotti originati dalle esplosioni di gas prodottesi dal passaggio della lava fusa nell’acqua è un luogo di rara bellezza. Avremo quasi tutto il pomeriggio per esplorarla!

 

7° giorno, giovedì 17 giugno: Myvatn – Egilsstadir

km 370 (dei quali 55 km di buon sterrato)

Ben due sono le attrattive che oggi avremmo modo di visitare lungo il percorso: il Canyon di Asbyrgi che si estende per ben 3,5 km e le Cascate di Dettifoss che con la loro portata di 500 mc al secondo elevano una colonna di spruzzi visibile da alcuni km. Cena e pernottamento in hotel.

 

8° giorno, venerdì 18 giugno: Egilsstadir – Hofn

km 240 (dei quali 65 km di buon sterrato)

Gireremo attorno al Lago Logurinn, il più grande dell’Islanda per poi attraversare la foresta Hallormsstadur la più estesa del paese prima di dirigerci verso Sud attraversando il Passo di Oxi. Arrivo quindi ad Hofn, cittadina adagiata sul mare in una magnifica posizione.

 

9° giorno, sabato 19 giugno: Hofn – Vik

km 290 circa

Raggiungeremo la laguna di Jokulsarlon dove effettueremo una navigazione tra gli iceberg che si distaccano dal Vatnajokull, il più grande ghiacciaio d’Europa. Attraverseremo quindi il Parco Nazionale di Skaftafell ammirando la cascata di Svartifoss e una località dal nome impronunciabile: Kirkjubaejarklaustur come impronunciabile è il nome di un meraviglioso canyon poco lontano: Fjadrargljufur.

 

10° giorno, domenica 20 giugno: Vik – Geysir

km 320 circa

Una visita alla famosa spiaggia nera di Reynisfjara e poi via verso Ovest, oggi siamo diretti a Geysir ma non senza avere visitato però le imponenti cascate di Gulfoss e una sosta lungo il percorso al Parco Nazionale di Thingvellir, luogo che vanta una bellezza affascinante se non la sede del primo e più antico parlamento del pianeta.

 

11° giorno, lunedì 21 giugno: Geysir – Reykjavík

km 250 circa

Ultimo giorno di permanenza nell’isola ma con ancora delle sorprese! Al mattino ci dirigeremo nella Penisola di Reykjanes per godere dei colori delle solfatare di Krysuvik, ci spingeremo fino al remoto faro di Valahnùkamol per poi andare ad immergerci nelle calde acque della famosa Laguna Blu. Pomeriggio a disposizione per gli ultimi acquisti e relax. Pernottamento in hotel e cena di commiato.

 

12° giorno, martedì 22 giugno: Reykjavík – partenza

Trasferimento all’aeroporto di Keflavik (50 km) e partenza in mattinata, arrivo a Milano nel pomeriggio.

mancano solo...

Giorno(s)

:

Ore(s)

:

Minuto(i)

:

Second(s)

Il tour verrà confermato al raggiungimento di 10 partecipanti

Quote

  • Pilota Euro 3.490
  • Passeggero Euro 3.150
  • Supplemento singola Euro 950

Volo aereo A+R:

  • Euro 400 (prezzo da riconfermare al momento della prenotazione.

Trasporto moto Verona-Reykjavík A+R

  • con un minimo di 10 moto: Euro 1.990 . La quota include:
  • il certificato temporaneo di importazione in Islanda e l’assicurazione sul trasporto
R

La quota comprende

  • Accompagnatore italiano in moto
  • Secondo accompagnatore su furgone assistenza per trasporto bagagli e recupero moto in panne
  • Trasferimento dall’aeroporto di Keflavik all’hotel e viceversa
  • 11 pernottamenti in hotel 3 o 4 stelle con trattamento B&B (in Islanda non ci sono hotel 5 stelle)
  • 11 cene
  • Traghetto da Stykkshòlmur a Brjànslaekur
  • Escursione Whale Watching ad Husavik
  • Escursione con mezzi anfibi nella Laguna di Jokulsarlon
  • Gadget personalizzati dell’evento
    O

    La quota non comprende

    • Tutti i pranzi
    • Le bevande ai pasti
    • Il carburante dei propri veicoli
    • Eventuali pedaggi stradali
    • Parcheggi
    • Mance e spese personali
    • Tutto quanto non specificato ne “la quota comprende”

      Termine iscrizioni entro il 15 maggio 2021